spettacolo diretto da Carlo Tedeschi

L' ANALFABETA COLTA

Nuvole di sole

nell’entroterra campano del 1870

Lo spettacolo è uno spaccato di vita contadina del 1870 mentre gli eventi legati all’Unità d’Italia fanno eco cambiando la realtà storica.

In essa vive Teresa Manganiello (proclamata beata dalla Chiesa) che si propone ai suoi contemporanei in modo alternativo alle convenzioni e consuetudini sociali. Diventa così l’emblema di una donna che vuole emergere dalla povertà e dalla sua condizione, pur accettandone l’ineluttabile realtà.

Per farlo usa i mezzi del suo tempo non lasciandosi condizionare dalle esigenze del corpo che, anzi, mortifica.

Cerca di emergere con la sua mente e con lo spirito che anela a più di una semplice e comoda condizione familiare rinunciando anche ad un rassicurante matrimonio, pur di elevarsi e scoprire “qualcosa” che appaghi la sua sete d’infinito.